Attualmente stiamo assistendo all’installazione sul territorio delle antenne 5G, senza conoscere appieno l’impatto che tale tecnologia potrà avere sulla nostra salute.
Non sarà una semplice evoluzione dal 4G al 5G, ma ci ritroveremo, in ragione delle maggiori potenze e poi delle nuove radiofrequenze, sempre più connessi e con il rischio di una esposizione della popolazione a radiazioni elettromagnetiche sempre più nocive.

La Legge 22 febbraio 2001, n. 36  “Legge quadro sulla protezione dalle esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici” tutela la popolazione e i lavoratori dagli effetti dei campi elettromagnetici a breve e lungo termine basandosi sul principio della precauzione introducendo i limiti di esposizione, i valori di attenzione e gli obiettivi di qualità per la progressiva minimizzazione dell’esposizione.

Per questo l’ Associazione Atto Primo – Salute Ambiente Cultura ODV unitamente all’Associazione A.M.I.C.A ha inviato una lettera a tutti i  Comuni della Toscana con l’invito ad applicare il principio di minimizzazione delle esposizioni  della popolazione e del territorio comunale, con particolare riguardo ai siti e agli obiettivi sensibili,  e per attuare  un corretto insediamento degli impianti di telefonia e trasmissione dati.

 

Lettera ai Sindaci
0

5 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.