Sotto attacco alla NYU, Mark Crispin Miller ha bisogno del tuo sostegno per la libertà accademica

Il Prof. Mark Crispin Miller é ora sotto assedio alla New York University per aver esortato gli studenti del suo Corso di Media, Cultura e Comunicazione a leggere la letteratura scientifica sull'efficacia delle mascherine contro la trasmissione di COVID-19. Vediamo la sua situazione solo come un esempio di una crescente tendenza globale verso una rigida censura delle opinioni degli esperti su argomenti urgenti di ogni tipo.

Questa petizione non è solo in sua difesa, ma é una protesta a nome di tutti i professori, medici, scienziati e giornalisti che sono stati imbavagliati o puniti per i loro diritti di ricercare, studiare e interpretare liberamente i dati su una varietà di questioni indipendentemente dalla loro natura controversa.

La censura non è una novità. Ci stiamo avvicinando sempre di più da decenni, poiché, sia ​​il mondo accademico che i media, hanno a lungo scoraggiato la libera indagine e la libera discussione su urgenti questioni pubbliche di ogni tipo, sia perché coloro che avrebbero tentato di affrontarle empiricamente, sono stati calunniati come "teorici della cospirazione" o "Truthers" e altri insulti utilizzati per zittirli o eliminarli come fornitori di "disinformazione", "scienza falsa" o "incitamento all'odio". Tale censura ha bloccato il dialogo aperto, civile e ragionato senza il quale l'istruzione superiore - anzi, qualsiasi istruzione - è impossibile, così come lo è il progresso scientifico in generale.

Vediamo la situazione del Prof. Miller come un punto critico nella lotta non solo per rivendicare ma per proteggere la libertà di parola e la libera inchiesta. I funzionari della NYU non hanno il diritto di intervenire nei corsi del Prof. Miller o di inviare messaggi ai suoi studenti, che minano di nascosto la sua integrità come istruttore. Non hanno il diritto di privarlo dei corsi per cui è stato assunto per insegnare e non dovrebbero partecipare a una campagna diffamatoria pubblica contro gli stessi diritti che dovrebbero difendere in un'università.

Detto questo, esortiamo la NYU a rispettare la sua libertà accademica e quindi a dare il buon esempio a tutte le altre scuole con docenti che osano contestare le narrazioni ufficiali. Altrimenti, l '"educazione"  sarà solo una formazione per la conformità, arrestando le menti degli studenti invece di aprirle: una pratica fatale per la democrazia e, infine, per l'umanità stessa.

 

 

Se credi nella libertà accademica, così come nella libertà di parola, considera la possibilità di firmare questa petizione e condividerla con altri che credono che l'istruzione superiore debba essere esente da censure di qualsiasi tipo, sia da parte dello Stato, delle Società, degli interessi stranieri, della pressione dei gruppi o dall'Università stessa.

Sottoscrivi
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments