L’associazione ATTO PRIMO settimanalmente pubblica le traduzioni degli articoli più rilevanti dal sito  CHILDREN’S HEALTH DEFENSE.

19/03/21

BIG PHARMA › NOTIZIE

Il CDC ignora la richiesta di indagini sull’aumento del numero di decessi e reazioni avverse segnalati dopo i vaccini COVID

I dati VAERS rilasciati oggi hanno mostrato 38.444 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID,che comprendono 1.739 decessi e 6.286 lesioni gravi dal 14 dicembre 2020.

Di Megan Redshaw

I dati pubblicati  oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sul numero di reazioni avverse e decessi segnalati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) in seguito ai vaccini COVID hanno mostrato 38.444 segnalazioni di eventi avversi dal 14 dicembre 2020.

L’8 marzo, The Defender ha contattato il CDC per conoscere come l’agenzia stia indagando sulle segnalazioni di morti e reazioni avverse dopo i vaccini COVID. Abbiamo fornito un elenco scritto di domande per avere un aggiornamento sullo stato delle indagini sui decessi riportati dai media, sapere se sono in corso le autopsie, quale sia lo standard per determinare se una patologia è causalmente collegata a un vaccino e i problemi risaputi con VAERS – vale a dire se gli operatori sanitari stanno segnalando tutte le patologie e i decessi che potrebbero essere collegati al vaccino COVID e quali indicazioni sono state fornite per favorire e facilitare una segnalazione corretta ed accurata. Abbiamo chiesto una risposta entro due giorni.

Ad oggi, 11 giorni dopo, il CDC non ha risposto alle nostre domande. E quando li sollecitiamo, rispondono dicendo di aver ricevuto la nostra e-mail, che sta seguendo il suo iter ed è nel sistema. Quando abbiamo chiesto se potevamo parlare con la persona che esaminava l’email, ci è stato detto che non era possibile fornire le informazioni. Quando abbiamo inviato loro un’e-mail per il follow-up, non abbiamo ricevuto risposta.

Ogni venerdì, VAERS rende pubbliche tutte le segnalazioni di danni da vaccino ricevute dal sistema a partire dal venerdì della settimana precedente. I 38.444 eventi avversi segnalati tra il 14 dicembre 2020 e l’11 marzo includono 1.739 decessi e 6.286 feriti gravi .

I dati di questa settimana includevano segnalazioni di 478 casi di paralisi di Bell. Di questi , il 66% dei casi è stato segnalato dopo le vaccinazioni Pfizer-BioNTech – quasi il doppio di quanto riportato (36%) dopo la vaccinazione con il vaccino Moderna.

Il primo vaccino COVID Johnson & Johnson (J&J) è stato somministrato negli Stati Uniti il ​​2 marzo. A partire dall’11 marzo, sono state segnalate a VAERS nove reazioni anafilattiche associate al vaccino di J&J. Come riportato da The Defender all’inizio di questo mese, il vaccino J&J contiene polisorbato 80 , noto per scatenare reazioni allergiche, i vaccini The Moderna e Pfizer contengono glicole polietilenico (PEG), noto anche per innescare reazioni anafilattiche.

Negli Stati Uniti, l’ 11 marzo erano state somministrate 98,2 milioni di dosi di vaccino COVID.

Il VAERS è il meccanismo principale per la segnalazione delle reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti. I rapporti presentati al VAERS richiedono ulteriori indagini prima di poter confermare una relazione causale.

Per la maggior parte, i dati odierni riflettono le tendenze emerse da quando The Defender ha iniziato a monitorare i rapporti VAERS relativi ai vaccini COVID .

I dati VAERS di questa settimana mostrano:

  • Dei 1.739 decessi segnalati all’11 marzo, il 30% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione, il 21% entro 24 ore e il 46% si è verificato in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione. In confronto, durante lo stesso periodo, ci sono stati solo 85 decessi segnalati a seguito di vaccini antinfluenzali.
  • Il 19% dei decessi era correlato a disturbi cardiaci.
  • Il 53% di coloro che sono morti erano maschi, il 44% erano donne e le restanti denunce di morte non includevano il sesso del defunto.
  • L’ età media di coloro che sono morti era di 77,9 anni e il decesso più giovane era un 18enne.
  • All’11 marzo, 289 donne in gravidanza avevano segnalato eventi avversi correlati ai vaccini COVID, comprese 90 segnalazioni di aborto spontaneo o parto prematuro . Nessuno dei vaccini COVID approvati per l’ autorizzazione all’uso di emergenza è stato confermato sicuro o efficace per le donne in gravidanza, sebbene J&J abbia detto all’inizio di questo mese che inizierà i test su donne in gravidanza, neonati e immunocompromessi.
  • Ci sono state 1.689 segnalazioni di anafilassi , con il 59% dei casi attribuito al vaccino Pfizer-BioNTech e il 41% a Moderna .

L’età media di morte riportata rimane 77,9, tuttavia il decesso più giovane segnalato questa settimana è sceso da 23 a 18 anni. Secondo VAERS , l’adolescente ha manifestato stanchezza, dolori muscolari e mal di testa un giorno dopo aver ricevuto il vaccino Moderna il 3 marzo, lamentava dolori al petto ed è morto poi nel sonno nello stesso giorno.

Gli ultimi dati includono anche il rapporto di una donna di 22 anni con una “grave patologia cronica preesistente” che è morta 24 giorni dopo il vaccino.

Secondo il sito web del CDC , “il CDC parte da qualsiasi segnalazione di morte per richiedere ulteriori informazioni e saperne di più su ciò che è accaduto e per determinare se la morte è stata causata dal vaccino o no”.

Ad oggi, le uniche informazioni che il CDC ha pubblicato relative alle indagini sui decessi correlati al vaccino COVID e su come tali indagini siano state condotte è un aggiornamento sulla sicurezza del vaccino COVID-19 tramite il Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) pubblicato il 27 gennaio.

L’aggiornamento sulla sicurezza ha analizzato solo i 198 decessi segnalati che si sono verificati entro il primo mese dopo la somministrazione del primo vaccino COVID negli Stati Uniti. Non è noto se il CDC abbia indagato su uno dei 1.541 decessi segnalati da allora o, se sono state condotte indagini, quali siano i loro risultati.

Il 16 marzo, The Defender ha riferito che più di 20 paesi hanno sospeso l’uso del vaccino COVID di AstraZeneca a seguito di segnalazioni di trombosi, alcune delle quali hanno portato alla morte, in persone sane che hanno ricevuto il vaccino. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha affermato che un’analisi in corso da parte del suo comitato consultivo sui vaccini non ha stabilito un nesso causale tra il vaccino e i coaguli di sangue e che i paesi dovrebbero continuare a usarlo.

Il 18 marzo, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha pubblicato i risultati della sua indagine sul vaccino AstraZeneca. L’EMA ha detto giovedì che il vaccino “può essere associato a casi molto rari di trombosi”, ma l’agenzia lo considera ancora “sicuro ed efficace” e i paesi dovrebbero continuare a usarlo.

L’EMA ha stabilito che il vaccino di AstraZeneca non era associato a un “rischio aumentato” di trombosi in quelli vaccinati e non vi era evidenza di un problema relativo a lotti specifici del vaccino o ai siti di produzione, come ha riportato The Defender.

Secondo Reuters , circa una dozzina di paesi hanno ripreso a utilizzare il vaccino COVID di AstraZeneca oggi, tra cui Germania, Indonesia e Francia, poiché gli esperti dell’UE e britannici hanno affermato che i benefici superano i rischi di potenziali coaguli di sangue. Il vaccino di AstraZeneca non è ancora approvato per l’uso di emergenza negli Stati Uniti

Il 18 marzo, The Defender ha riferito che il chief financial officer di Pfizer ha detto agli analisti e agli investitori durante un recente resoconto sugli utili che la società prevede di trasformare il suo vaccino COVID con la società tedesca BioNTech in una mucca da soldi ancora più grande una volta terminata la pandemia.

Il vaccino di Pfizer è già il secondo farmaco più redditizio al mondo. Il produttore di vaccini prevede entrate per $ 15 miliardi nel 2021 sulla base dei contratti attuali per il suo vaccino COVID , ma quel numero potrebbe raddoppiare poiché Pfizer afferma che può potenzialmente fornire 2 miliardi di dosi quest’anno.

Documenti trapelati ottenuti a seguito di un attacco informatico all’EMA e esaminati dal BMJ hanno rivelato che gli esperti nutrono grandi preoccupazioni per quantità inaspettatamente basse di mRNA intatto in lotti del vaccino COVID della Pfizer sviluppato per la produzione commerciale, come riportato questa settimana da The Defender .

Un’e-mail trapelata ha identificato “una differenza significativa nella percentuale RNA integro / corrotto” tra i lotti clinici e quelli commerciali proposti – dal 78% al 55% circa. Pfizer non produceva vaccini secondo le specifiche previste e l’impatto di questa perdita di integrità dell’RNA sulla sicurezza e sull’efficacia del vaccino non è stato identificato, secondo l’e-mail. L’EMA ha risposto avanzando due “obiezioni importanti” alla Pfizer, insieme a una serie di altri problemi che desiderava veniss

ero risolti. Non è chiaro se le preoccupazioni dell’agenzia siano state soddisfatte.

Megan Redshaw

Megan Redshaw è una giornalista freelance per The Defender. Ha una formazione in scienze politiche, una laurea in giurisprudenza e una formazione approfondita in salute naturale.

Robert F. Kennedy, Jr. e Children’s Health Defense. CHD sta pianificando molte strategie, anche legali, nel tentativo di difendere la salute dei nostri bambini e ottenere giustizia per coloro che sono già feriti. Il tuo supporto è essenziale per la missione di successo di CHD.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments